Bonus tv: aperto il canale telematico per la registrazione

Smart tv e decoderIl bonus tv è quasi realtà. Attivo il canale telematico per registrarsi e aderire all'iniziativa, mentre dal 18 dicembre il via libera per l’acquisto di decoder e smart tv in grado di supportare la tecnologia DVBT2. Ecco chi può richiederlo e come. 

Quante risorse per il digitale nella programmazione finanziaria UE 2014-2020

A partire da oggi i venditori che vogliono aderire all’iniziativa possono registrarsi al servizio telematico predisposto dall’Agenzia delle entrate.

Le funzionalità per accedere al sistema sono disponibili nell’area riservata del portale, tramite l'utilizzo delle credenziali Spid, Entratel e Fisconline o con la Carta nazionale dei servizi.

Bonus tv: cos’è, come funziona

Si tratta di un buono sconto utilizzabile per comprare un nuovo televisore o un decoder conforme a quello che diventerà, nel 2022, lo standard unico, il DVBT-2.

La legge di Bilancio 2019, infatti, manda in soffitta il digitale terrestre dal 1 luglio 2022, e per aprire la strada alla nuova tecnologia mette a disposizione ci sono 151 milioni di euro

Ma in base a quanto annunciato dal Ministero dello Sviluppo economico, le risorse a disposizione dovrebbero aumentare per allargare la platea di coloro che possono richiedere lo sconto. 

Possono accedere all’incentivo i cittadini con reddito ISEE di I e II fascia, non superiore a 20mila euro l'anno.

Il bonus, da 50 euro, è destinato ad un solo componente per nucleo familiare e consiste in uno sconto praticato dai rivenditori accreditati all’atto dell’acquisto sul relativo prezzo di vendita degli apparecchi (decoder e smart tv). 

Il contributo si potrà applicare solo su un apparecchio e secondo il principio di neutralità tecnologica e scatterà a partire dal 18 dicembre. Il contributo sarà attivo fino al dicembre del 2022.

Il negoziante introdurrà il codice fiscale dell'acquirente nel sito dell'Agenzia delle entrate, in modo da avere l'ok alla concessione del bonus. All'Agenzia delle entrate comunicherà anche gli estremi del documento di identità del compratore e i dati identificativi del prodotto (in modo da verificarne l'idoneità).

A sua volta il negoziante recupererà lo sconto sotto forma di credito d'imposta alla prima dichiarazione fiscale utile. Il ministero dello Sviluppo preciserà entro un mese le modalità di recupero per i venditori di altri Paesi dell'Unione Europea, inclusi quelli che commerciano via web.

> Decreto modalita' per l'erogazione dei contributi in favore dei consumatori finali per l'acquisto di apparati televisivi idonei alla ricezione dei programmi con le nuove tecnologie trasmissive DVB-T2

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.